TRENTINO: DALLA FARFALLA ALLE QUATTRO RUOTE ARTIGLIATE

Pur scarse le mosse della giunta Fugatti fanno intendere in maniera chiara che il tanto auspicato cambio di marcia si identifica con la retro. Assistiamo attoniti alla riproposizione di modelli che il Trentino conosce bene perché utilizzati a piene mani tra gli anni Sessanta e Settanta. Ieri le seconde case, oggi l’arrivo di 600 fuoristrada che il prossimo luglio trasformeranno boschi e montagne (patrimonio dell’umanità) in un circuito privato per sfogare pulsioni di cui altrove ci si vergogna. Avevamo puntato sulla leggerezza e sull’unicità della farfalla, sul Trentino come ricarica naturale e ci ritroviamo in un Trentino preda di motori turbodiesel e 4×4 artigliati. Sono iniziative totalmente incoerenti con l’immagine che si era faticosamente cercato di costruire per assicurare qualità e valore aggiunto e che, utili a pochi nel breve periodo,  pagheremo tutti molto care. Abbandonata la faticosa azione di valorizzazione, il modello leghista riesuma il banalissimo sistema di sfruttamento e consumo delle risorse ambientali come l’ultimo dei paesi sottosviluppati. Evidentemente l’unica strada per chi è arrivato alla poltrona per caso e senza idee.

A tale proposito in data odierna ho depositato un’interrogazione.

Quotidiano “il Fatto Quotidiano” Trentino, ritrovo con 600 jeep ai piedi delle Dolomiti: “No, salvaguardiamo l’ambiente”. Apt: “Lasciatecelo fare”. Dichiarazioni di Filippo Degasperi

Quotidiano “Trentino” Paneveggio, dopo la disco music ecco il raduno con 600 Jeep

Belluno titubante sulla kermesse che approda in Trentino

 

 

Fonte foto Il Sole 24 ORE ecco il nuovo pick-up targato Jeep