Rovereto: dal polo della Meccatronica al polo dello sterco

rovereto meccatronica fugatti

Mentre azzera il polo della Meccatronica, la giunta leghista destina a Rovereto una remota iniziativa dellaiana risalente a 10 anni fa. I fanghi dei depuratori trentini, in base al disegno ideato dal presidente Dellai e confermato dal presidente Fugatti, confluiranno a Rovereto per essere trattati in un impianto che, avviato nel 2010, si era subito bloccato a causa di problemi tecnici ed operativi. La tecnologia proposta (Wet Oxidation) non è stata imitata da alcuno e oggi, nonostante sia trascorso quasi un decennio, viene propinata ai roveretani come innovativa. Ce ne eravamo già occupati nel 2016 (leggi qui) e speravamo che la questione fosse definitivamente archiviata.
Invece oggi assistiamo ad un inatteso revival: la Città della Quercia da polo della Meccatronica viene nobilitata a polo dello
sterco, nel nome di Alberto da Giussano.


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<