Fanghi a Rovereto: si torna al passato

navicello rovereto fanghi

Già nel recente passato ci eravamo occupati del maldestro tentativo di avviare il centro per il trattamento dei fanghi di depurazione al Navicello, come da interrogazione qui disponibile.

Fortunatamente i roveretani erano stati soccorsi dalla tecnologia, che aveva messo ko l’impianto evidenziando l’inadeguatezza dello stesso per i fini proposti.

La wet oxidation è ancora a livello sperimentale: ha costi energetici enormi oltre a problemi di corrosione e incrostazioni che stressano le strutture. In Trentino poi, dove non esiste un grande depuratore unico, ma una miriade di piccoli impianti, per arrivare a Rovereto da tutti gli angoli della provincia i fanghi dovrebbero essere prima disidratati, poi trasportati e ancora reidratati per essere immessi nel ciclo. Questi costi (a carico della Provincia) rendono di fatto anti economico il modello.

Non ci consta che le valutazioni (risalenti a oltre 10 anni fa) siano state aggiornate nonostante nel frattempo i costi per lo smaltimento tradizionale siano sensibilmente diminuiti.

I fanghi trentini non soffrono i problemi comuni alle aree dove, purtroppo, nei cicli urbani civili confluiscono anche scarichi industriali generando i noti problemi quale la presenza di idrocarburi.

Ci saremmo aspettati che il tanto sbandierato cambiamento avrebbe dispiegato i suoi effetti anche in questo campo. Invece ci troviamo di fronte all’assoluta continuità di idee con il pensiero dellaiano.

Naturalmente sulle spalle dei trentini (che pagano) e in particolare dei roveretani che (sulla loro pelle) potranno vantarsi di un nuovissimo centro che nessuno in 10 anni si è sognato di imitare.

Procederemo domani a chiedere a quali condizioni fosse stata avviata la sperimentazioni per verificare gli obblighi in capo alla Provincia.

Filippo Degasperi

Alex Marini

Alessandro Dalbosco

Michele Setti


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<