I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991 PDF

Filippodegasperi.it I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991 Image
Dopo quarant’anni di frequentazione, tra libri letti, amati e tradotti, Paolo Nori scrive il suo Corso sintetico di letteratura russa, che di accademico ovviamente non ha nulla. «Paolo Nori ci fa viaggiare nella letteratura di un paese dove i personaggi dei romanzi sono diventati più veri dei loro autori» – Il Venerdì «E quando ho letto il primo romanzo russo che ho letto, Delitto e castigo, quarant’anni fa, non era come Giulio Verne, a me piaceva molto anche Giulio Verne, non era come Fitzgerald, a me piaceva molto anche Fitzgerald, non era come Sciascia, allora mi piaceva moltissimo Sciascia, no: faceva più male. Per quello, credo, ho letto più libri scritti in russo che libri scritti in qualsiasi altra lingua, per il male.» Esilarante e rocambolesco, sbilenco e a suo modo intimo, passa in rassegna le idiosincrasie e il genio dei grandi autori: da Puskin che per primo e forse per caso abbandona l’aristocratico francese per scrivere «nella lingua dei servi della gleba», creando di fatto il romanzo russo, a Erofeev che in piena dissoluzione dell’Urss riempie di bestemmie un capitolo del suo Mosca-Petuški, mettendo però cortesemente in guardia le lettrici; da Tolstoj che in una lettera dice di non poterne più di scrivere «la noiosa, la triviale Anna Karenina» a Dostoevskij che si considera «un uomo felice che non ha l’aria contenta». Eppure se anche davvero I russi sono matti, hanno creato in appena due secoli una delle più grandi letterature mai esistite, capace di cogliere l’umorismo tragico dell’esistenza e di togliere l’“imballaggio” alle parole, restituendo loro tutta la forza poetica perduta nell’uso, di cogliere l’intraducibile byt (diciamo per semplicità: la vita) nel suo farsi, di costruire romanzi pieni, come diceva un detrattore di Puskin, di «scenette insignificanti da vite insignificanti», ma che forse proprio per questo ancora oggi ci sembrano più veri del vero.

I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991 PDF. I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991 ePUB. I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991 MOBI. Il libro è stato scritto il 2019. Cerca un libro di I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991 su filippodegasperi.it.

INFORMAZIONE

DATA: 2019

DIMENSIONE: 6,42 MB

AUTORE: Paolo Nori

NOME DEL FILE: I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820 - 1991.pdf

ISBN: 9788851172657

SCARICARE LEGGI ONLINE

I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa ...

I russi sono matti Corso sintetico di letteratura russa 1820-1991. ... infatti il sottotitolo recita "Corso sintetico di letteratura russa 1820-1991." Perchè queste date? Perchè secondo Nori in questi anni si è sviluppata la vera letteratura russa, il 1991 è l'anno che ne ha segnato la fine.

I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa ...

I russi sono matti. Corso sintetico di letteratura russa 1820-1991 è un libro di Nori Paolo pubblicato da UTET nella collana UTET, con argomento Letteratura russa; Russia-Cultura - sconto 5% - ISBN: 9788851172657

LIBRI CORRELATI

Parola di sponsor.pdf

Genesi 1-11. Alle origini dell'uomo.pdf

Il vortice dei ricordi.pdf

La damnatio ad metalla. Storie dei prigionieri dell'impero austro-ungarico nella Sardegna della prima guerra mondiale.pdf

L' angoscia dell'influenza. Una teoria della poesia.pdf

Tra vecchio e nuovo regime. Il peso del passato nella costruzione della democrazia.pdf

Dei, geni e demoni incappucciati. Da Telesforo al «Moine Bourru».pdf

Avventure urbane. Perlustrazioni nello spazio abitato.pdf

Java 9. Guida allo sviluppo in ambienti Windows, macOS e GNU/Linux.pdf

Come leggere la Costituzione.pdf

L' evoluzione della consulenza manageriale in Italia. Caratteristiche della domanda e sfide dell'offerta consulenziale.pdf

I confini di Babele. Il cervello e il mistero delle lingue impossibili.pdf

Amare tradire.pdf