BBT, sui clamorosi ritardi e sui costi che lievitano regna il silenzio stampa

bbt brennero tunnel

Il tunnel del Brennero è un dogma e si deve accettare come atto di fede, pena la scomunica da parte degli organi di “informazione” e dei salotti buoni. Non appena qualcuno cerca di ottenere qualche risposta oltre la propaganda sullo stato dell’arte, su progetti o costi viene subito additato come disfattista retrogrado. Peccato che, cercando di sminuire il nostro operato, ieri il quotidiano L’Adige ha di fatto confermato le nostre osservazioni: nonostante le chiacchiere ventennali, le campagne elettorali, i commissari europei e nostrani, ad oggi per le tratte di accesso non solo non esiste un progetto (lo stesso quotidiano è stato costretto a propinare per l’ennesima volta l’olio su tela di autore ignoto che ritrae la solita uscita della galleria a Mattarello) ma non esiste nemmeno 1 euro.

Certo qualcuno prova ad affibbiare la colpa al M5s, dimenticandosi che a fino al giugno 2018 (e nei venti anni precedenti) la situazione era la medesima di oggi. Per contro, nulla si racconta di quanto succede oltre il Brennero. Per esempio nessuno, nemmeno i giornali tanto attenti ad attribuire patenti di competenza, ha spiegato dei cantieri fermi, dei cantieri con oltre 1000 giorni di ritardo (3 anni), della lievitazione per centinaia e centinaia di milioni dei costi. Per non parlare della “trasparenza”, talmente “trasparente” che da 5 mesi attendiamo inutilmente le banalissime fotocopie dei verbali delle riunioni dell’Osservatorio del Brennero. E naturalmente la maggior parte della stampa ha pensato bene che anche in questa occasione non fosse il caso di far sapere nulla ai trentini.

Leggi qui testo e risposta dell’interrogazione “Ritardi e lievitazione dei costi relativi al tunnel del Brennero”.

E qui l’articolo   del Giornale on line della Provincia autonoma di Trento, ” Tunnel di base del Brennero, versante austriaco: gravi ritardi nei lavori e già 230 milioni di costi aggiuntivi”.   

Qui “Nuovo svincolo a Trento nord: uno snodo cruciale non solo per il traffico”. 

                                   

L’Adige, 5 gennaio 2019


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<