A TU PER TU con DEGASPERI. VIDEO.

A TU PER TU con DEGASPERI

A pochi giorni dalla discussione d’aula sull’assestamento di bilancio per il triennio 2019-2021, argomento alcune tematiche che caratterizzano questa manovra.

In linea generale alcuni intenti segnano un cambiamento rispetto all’amministrazione precedente, che accogliamo positivamente per quanto i risultati dovranno essere valutati nel tempo.

Sul rafforzamento delle politichè in favore della natalità la valutazione è sostanzialmente positiva per quanto riguarda il cd bonus bebè. Analisi successive ci portano però a rettificare il giudizio positivo sulla riduzione delle rette per gli asili nido dato che comporteranno un risparmio sostanzioso per l’INPS che si rifletterà in un altrettanto sostanzioso segno meno per il bilancio Pat, manifestando in tutta evidenza la portata propagandistica (dannosa) della novità.

E’ stata, invece, una nostra proposta della scorsa legislatura quella che ha inserito nella manovra attuale l’obbligo per i cittadini stranieri che chiedono un’abitazione pubblica, del deposito del certificato del paese di provenienza attestante la proprietà di beni immobili.

Sui contributi alla cooperazione internazionale la considerazione da fare è semplice quanto logica: flessibilità commisurata alla situazione del bilancio provinciale, “principio” contrario alla “quota fissa” come è stato sino ad oggi anche se si potrebbe convenire sulla gradualità e sulla flessibilizzazione delle modifiche.

Non ho perso l’occasione per sottolineare alcuni aspetti assenti nell’assestamento di bilancio e quali invece quelli puramente propagandistici.